U vinnituri

U VINNITURI



Fazzu u vinnituri
U vinnituri a fera
Vinnu a robba mia
A robba mia è sincera

E quattru ri matina
Gghia mi susu e sugnu n’terra
Carricu a lapuzza
e puoi mi ni vaiu a fera

Fazzu u vinnituri
U vinnituri a fera
Vinnu a robba mia
A robba mia è sincera

Bedda matri ciovi
E finiemmu ri travagghiari
Bedda matri i rannili
E a robba si po gghittari

Signuruzza bedda
Mi ricissi cchi cci rugnu
Chista è a virduredda mia
Cugnuta frisca ieri a sira
ri la terra, a terra
è a vita mia

Sugnu u vinnituri
U vinnituri a fera
Gghia ri picciriddu
Vinnia i sparaci nta cantunera

Bedda matri cauru
Ca nun mi firu a stari
Bedda matri è fuocu
E mi tocca ri travagghiari

A signuruzza bedda
Pa manuzza teni a figghiula
E’ parigghia o figghiu miu
Ca ccia manca a parola
U fiugghiu miu
E u sancu miu

Signuruzza bedda
Chi cci ricu, chi ci cuntu
A campagna è a vita mia
E mo figghiu mi talia
U figghiu miu
E’ a cruci mia
Faccio il venditore
Il venditore alla fiera
Vendo la roba mia
La roba mia è sincera

Alle quattro di mattina già mi alzo e sono a terra
Carico la motolapa e me ne vado alla fiera

Faccio il venditore
Il venditore alla fiera
Vendo la roba mia
La roba mia è sincera

Bella Madre piove
e abbiamo finito di lavorare
Bella Madre, la grandine
E la roba si può buttare

Signora bella, mi dica che le do
Questa è la verdurella mia
Raccolta fresca ieri sera
Dalla terra, la terra è la vita mia.

Sono il venditore
Il venditore alla fiera
Già da bambino vendevo gli asparagi nella cantonera
Bella Madre, caldo che non riesco a stare
Bella Madre è fuoco e mi tocca di lavorare

La signora bella, per la manina tiene la figliola,
è coetanea al figlio mio che gli manca la parola
il figlio mio è il sangue mio

Signora bella,
che le dico, che le racconto
la campagna è la vita mia
e mio figlio mi guarda,
il figlio mio è la croce mia.