Erano bambini

ERANO BAMBINI



Erano bambini con il muso sporco
E i piedi, i piedi nudi
Che un pezzo di legno in mano
Colpivano una vecchia ruota

Che correva sull’asfalto
Più delle loro gambe
Più della loro stessa vita
Erano bambini con il muso sporco
E il cuore, il cuore nudo

Vestiti con pochi stracci addosso
A mangiare un carciofo crudo
A bussare casa per casa, a vendere un paniere d’uva
Un paniere d’uva

Le loro madri al mattino presto
Urlavano forte alla vita
Giovani madri partorivano in casa
Gridando forte alla vita

I loro padri con la pelle bruciata dal sole
E le mani scure come la terra
La pelle bruciata dal sole
Le mani marroni come il colore della terra

Tornavano da lavorare
La sera molto tardi
A bordo di motociclette oggi
Tutte da rottamare

Erano bambini con il muso sporco
E il cuore, il cuore nudo
Che con un pezzo di vetro in mano
Minacciavano la loro stessa vita

E cadevano per terra, come birilli
Come pupazzi di cartone

Erano bambini con il muso sporco
E il cuore, il cuore nudo

Figli maschi sfamati da madri nervose
Ogni giorno a soffrire
Figlie femmine tradite da padri irruenti
Emigrati, scappati, per chissà dove, Per chissà dove.

Figli maschi ingoiati da madri rissose
Tutti i giorni a soffrire
Figlie femmine tradite da padri irruenti
Emigrati, scappati, per chissà dove.