A cavalluccio

A CAVALLUCCIO



A cavalluccio sulle mie spalle
Così alto d’abbracciare il mondo
Che colori, che luce, che aria, che mare
Che non hai veduto mai!

A cavalluccio sopra le mie spalle
Così felice di guardarti intorno
Dimmi che vedi, che trovi, che ridi,
Che ti stupisce che ancora non sai?
Che ti stupisce che ancora non sai?

Ed alle tue tante domande
Qualche risposta da darti ce l’ho
Una certezza che dura un istante
E una valanga di “forse” e “non so”

Ed alle tue innumerevoli domande
Una risposta da darti non ho
una bottiglia di vino ubriacante
E una pioggia di “forse” e “che ne so”

A cavalluccio sopra le mie spalle
Decidi tu cos’altro vuoi vedere
In bianco e nero, a colori, in penombra, alla luce
Che non hai veduto mai!

A cavalluccio sopra le mie spalle
Decidi tu dove ti vuoi fermare
In pianura, in montagna, in un prato, in un mare
Che navigare vorrai!
Che attraversare potrai

E per il freddo delle brutte stagioni
Una coperta da darti ce l’ho
Ed un sorriso per ogni intenzione
Ed una serie di “forse” e “non verrò”

E per gli amori delle calde stagioni
Non hai bisogno di niente, lo so
Ma non so dirti che strano sapore
Ti rimane nel cuore, io non lo so

A cavalluccio sopra le mie spalle
Dimmi tu cos’altro vuoi cercare
Tra i rumori di folla, i silenzi meditati
Nelle notti che non hai dormito mai !

A cavalluccio sopra le mie spalle
Così deluso di guardarti qui intorno
Dimmi che pensi, che trovi, che ridi,
Che ti stupisce di quello che sai